Yeqela kokuqukethwe

il balcone 2

Noto, Sicilia, Italy
Ifulethi lonke ibungazwe ngu-Corrado
Izivakashi ezingu- 2ikamelo lokulala 1umbhede ongu-1Igumbi lokugezela elilodwa
Ikhaya lonke
Ifulethi izoba ngeyakho wedwa.
Ihlanzekile futhi icocekile
12 zakamuva zithe le ndawo ibihlanzekile.
Okokuzithokozisa kokungena okuhle kakhulu
Izivakashi ezingu-100% zakamuva zinikeze inqubo yokungena isilinganiso sezinkanyezi ezingu-5.
l'appartamento e composta da una camera da letto climatizzata con letto matrimoniale bagno e cucina può ospitare due persone ,il prezzo impostato e per 1 persona per avere il costo totale aggiungere l'altro ospite
parcheggio pubblico libero sotto casa

Indawo
casa vacanze il BALCONE 2 si trova a NOTO (SR) SICILIA a pochi passi dal centro storico la casa è composta da due appartamenti comunicanti uno con due camere da letto climatizzate bagno e cucina ( IL BALCONE ) un altro da una camera da letto climatizzata bagno e cucina (IL BALCONE 2 ) tutte e due gli appartamenti sono presenti lavabiancheria ferro da stiro e tutto il necessario per la casa,servizio navetta a pagamento dall'aeroporto di fontana rossa (Catania) che dista circa 100 km, la casa si trova a circa 5 km dalla spiaggia di LIDO di NOTO.per inf corrado (PHONE NUMBER HIDDEN)
Noto è un comune italiano di 23 913 abitanti[3] della provincia di Siracusa in Sicilia. È il primo comune siciliano e il quarto italiano per estensione territoriale (550 km²).
Definita la "capitale del Barocco"[senza fonte], nel 2002 il suo centro storico è stato dichiarato Patrimonio dell'Umanità da parte dell'UNESCO, insieme con le altre città tardo barocche del Val di Noto.
Noto dista 31 km da Siracusa ed è situata nella parte sud-ovest della provincia ai piedi dei monti Iblei. La sua costa, fra Avola e Pachino, dà il nome all'omonimo golfo. Con i suoi 550,86 km² di superficie, il comune di Noto occupa oltre un quarto della Provincia di Siracusa ed è il più grande comune della Sicilia e il quarto d'Italia. Il territorio è, per la maggior parte, collinare. Le montagne, a nord, appartengono alla catena dei monti Iblei. Nella costa, bassa e sabbiosa nella totalità, a parte brevissimi tratti frastagliati, sono situate le pianure. Probabilmente di origine alluvionale, la piana di San Paolo, nell'entroterra, è la più vasta pianura del territorio, nonché la più intensamente coltivata. Noto confina a sud con Pachino, ad nord-est con Avola e Siracusa, a nord con Palazzolo, a nord-ovest con Modica, a ovest con Ispica. Fa parte del comune di Noto anche una enclave contigua all'abitato di Rosolini nota come contrada Cipolla. L'aspetto dell'agro netino è caratterizzato in prevalenza dalla macchia mediterranea, e dagli uliveti e mandorleti in zona collinare, dai vasti agrumeti e vigneti nella piana di San Paolo, mentre in montagna, ampi pascoli si alternano a tracce di macchia mediterranea, con secolari lauri, querce, frassini e lecci. La conformazione del territorio ha permesso un più ampio sviluppo dell'agricoltura a sud e dell'allevamento a nord.
Nel suo territorio scorrono 4 fiumi:
•Il Tellaro ( Atiddaru in siciliano) la cui sorgente è stata localizzata nel territorio di Ragusa e vicino al quale è stata rinvenuta una villa romana, chiamata appunto Villa del Tellaro. Dopo aver attraversato chilometri e chilometri nelle aree più incontaminate e selvagge del territorio netino, sfocia, nei pressi di Eloro nella spiaggia detta del Tellaro.
•L'Asinaro, che nasce pochi chilometri a nord di Noto Antica, e che scorre nei pressi sia della vecchia che della nuova città. Verso la sua foce, lungo la piana costiera, si svolse la famosa battaglia tra Ateniesi e Siracusani, che si concluse con la sconfitta dei primi, segnando la disfatta della spedizione ateniese in Sicilia e l'inizio del declino di Atene, che di lì a poco, a seguito di questa sconfitta, avrebbe perso anche la guerra all'interno della quale si inseriva la spedizione in Sicilia contro Siracusa, la Guerra del Peloponneso.
•Il Cassibile, che nasce nei pressi di Bauli e che, nel suo tratto mediano, prende il nome di Manghisi, per successivamente incassarsi nel maestoso canyon della Riserva naturale orientata Cavagrande del Cassibile
•Il Gioi che nasce presso il Monte Finocchito.
Diversi corsi d'acqua, scorrono su tutto il territorio, per poi mescolare le loro acque con quelle dei fiumi principali. Nel torrente Santa Chiara, la forza dell'acqua ha modellato la roccia scavando dei piccoli ma profondi laghetti, noti come "laghetti di San Corrado".
Il clima, temperato di tipo mediterraneo, è caratterizzato da inverni miti ed estati abbastanza calde e non si discosta molto, nella rilevazione dei valori, da quello del capoluogo di provincia. La temperatura raggiunge i valori più elevati nei mesi di luglio e agosto (37 °C di media, ma con punte anche superiori a 40 °C) e quelli più bassi nei mesi di dicembre e febbraio (che raramente raggiungono gli 0 °C), mentre la media annua si attesta intorno ai 18 gradi centigradi. I mesi più piovosi sono ottobre e novembre, quelli più secchi luglio e agosto. Molto scarso il fenomeno delle grandinate, mentre, in inverno, non è raro imbattersi in banchi di nebbia (specie nelle frazioni montane), così come i giorni caratterizzati da forti venti, che in inverno, provengono maggiormente da occidente, mentre in estate ed in autunno soffiano perlopiù da nord-est; rarissime le nevicate nella zona sud del territorio.
Per quanto attiene alla Classificazione climatica, introdotta dal D.P.R. n. 412 del 26 agosto 1993, il territorio fa parte della Fascia climatica C e D.
Il sito originario della città, Noto antica, si trova 8 km più a nord, sul monte Alveria. Qui si ritrovano i primi insediamenti umani, che risalgono all'età del Bronzo Antico o Castellucciana ((PHONE NUMBER HIDDEN) a.C.), come testimoniato dai reperti archeologici rinvenuti. Secondo un'antica leggenda,Neas, che sarebbe stato il nome della Noto più antica, avrebbe dato i natali al condottiero siculo Ducezio, che nel V secolo a.C. avrebbe difeso la città dalle incursioni greche. Questi la trasferì dall'altura della Mendola al vicino monte Alveria, circondato da profonde valli, in una delle quali scorre la fiumara di Noto. Ben presto Neas o Neaton, ormai ellenizzata nei costumi, entrò a far parte della sfera d'influenza siracusana.
Secondo Polibio e Tito Livio, Neaton fu una colonia siracusana durante il regno di Gerone II, riconosciuta nel 263 a.C. dai Romani con un trattato di pace. Il Ginnasio, le mura megalitiche e gli Heroa ellenistici convalidano le ipotesi degli storici.
Nel 214 a.C. circa, Neaton aprì le sue porte all'esercito del console romano Marco Claudio Marcello, e venne così riconosciuta come città alleata dai Romani (che la chiamavano Netum) come Taormina e Messina. In quanto tale i Romani concessero ai netini un proprio senato, tanto che ancora oggi, nei palazzi e nei portali risulta presenta la scritta SPQN (Senatus Populus Que Netinus). Subì, come le altre città isolane, le vessazioni di Verre, descritte da Marco Tullio Cicerone.

Ukungena kwesivakashi
Accesso tramite cancello sempre aperto inizio via Venezia 2 infondo a sinistra
davanti troverete una scuola MAIORE

Ezinye izinto okumele ziqashelwe
In casa non si accettano animali
Non si possono ospitare altre persone all’infuori di quelle prenotate
l'appartamento e composta da una camera da letto climatizzata con letto matrimoniale bagno e cucina può ospitare due persone ,il prezzo impostato e per 1 persona per avere il costo totale aggiungere l'altro ospite
parcheggio pubblico libero sotto casa

Indawo
casa vacanze il BALCONE 2 si trova a NOTO (SR) SICILIA a pochi passi dal centro storico la casa è composta da due appartamenti comu…

Amalungiselelo ezindawo zokulala

Ikamelo lokulala 1
Umbhede omkhulu ongu-1

Amasevisi

Ama-hanger
Umshini womoya oqandisayo
Umshini wokuwasha
Ikhishi
I-Wifi
Indawo yokungena eyenzelwe izivakashi kuphela
Okusemqoka
I-Hair dryer
Ayitholakali: i- I-alamu ye-carbon monoxide
Ayitholakali: i- I-alamu yesimoko

Khetha usuku lokungena

Faka izinsuku zohambo lwakho ukuthola inani eliqondile
Ngena
Faka usuku
Isikhathi sokuphuma
Faka usuku

4.70 out of 5 stars from 73 reviews
4.70 (izibuyekezo ezingu-73)

Inhlanzeko
Ukunemba
Ezokuxhumana
Indawo
Ngena
Inani

Indawo

Noto, Sicilia, Italy

Un posto tranquillo a pochi passi dal centro

Ibungazwe ngu-Corrado

Ujoyine ngo-Okthoba 2013
  • Ukubukeza okungu-113
  • Ubuwena buqinisekisiwe
sono una persona affidabile e sincera dopo anni nella ristorazione mi dedico alla gestione di case vacanze do sempre il massimo nella buona riuscita per me l'ospite e lavoro e deve essere trattato bene ma anche l'ospite si deve comportare bene rispettando la casa e le cose che sono a disposizione
sono una persona affidabile e sincera dopo anni nella ristorazione mi dedico alla gestione di case vacanze do sempre il massimo nella buona riuscita per me l'ospite e lavoro e deve…
Phakathi nokuhlala kwakho
Sono disponibile in qualsiasi momento per eventuale informazioni non esitate a chiamare
  • Izinga lokuphendula: 100%
  • Isikhathi sokuphendula: kungakapheli ihora
Ukuze uvikele ukukhokha kwakho, ungalokothi uthumele imali noma uxhumane nabantu ngaphandle kwewebhusayithi ye-Airbnb noma i-app.

Izinto okufanele uzazi

Imithetho yendlu
Ukungena: Ngemva kwalokho 12:00
Isikhathi sokuphuma: 10:00
Akubhenywa
Izilwane ezifuywayo azivunyelwe
Ayikho imicimbi noma izenzakalo
Ukuphepha & Indlu
I-alamu ye-carbon monoxide ayibikwangwa Funda kabanzi
I-alamu yesimoko ayibikwangwa Funda kabanzi